HomePrenota una visita M: +39 338 454 2536 | STUDIO: 0744 426774
HomeVisita tricologica
I capelli (come le unghie) sono le uniche parti del corpo che crescono per sempre.

Curiosità

- Lo sapevate che Il numero dei capelli è in relazione al loro colore: i biondi sono mediamente 150.000, i castani 110.000, i neri 100.000 e i rossi 90.000?

- Il più celebre “capellone” è il mitico Sansone, la cui strabiliante forza risiedeva nei capelli. Dalila lo scoprì e, rasandolo nel sonno, lo rese vulnerabile: catturato e reso schiavo dai Filistei, Sansone attese con pazienza la ricrescita e, riconquistata la sua forza, demolì a forza di braccia il tempio di Dagon, uccidendo i Filistei ed immolando a questo scopo la sua stessa vita.


- La regina Nefertiti soffriva di alopecia, e si faceva confezionare una lozione a base di grasso di leone, d’ippopotamo, di coccodrillo, di gatto, ecc. la cui ricetta è giunta a noi grazie al ritrovamento di un papiro che la descrive dettagliatamente.

- Il Senato romano dovette approvare un decreto per consentire a Giulio Cesare di portare in permanenza una corona d’alloro, mezzo scelto dall’Imperatore per mascherare la sua pelata vistosa.

Glossario

  • AGA
    • abbreviazione di alopecia androgenetica.

  • ALOPECIA
    • perdita parziale o totale di capelli o peli in aree dove sono normalmente presenti.

  • ALOPECIA ANDROGENETICA
    • è la più frequente forma di alopecia non cicatriziale. Si caratterizza per perdita di capelli nella zona del vertice e per un arretramento fronto/temporale con risparmio della zona nucale e delle tempie.

  • ALOPECIA AREATA
    • Caratterizzata dalla comparsa di una o più chiazze prive di capelli o peli (spt zona della barba) senza alterazioni della cute salvo a volte una leggera e reversibile atrofia epidermica. Queste aree alopeciche possono rinfoltirsi spontaneamente o estendersi a tutto il cuoio capelluto e/o ai peli di tutta la superficie corporea(alopecia universale). Alla periferia delle chiazze si ritrovano piccoli capelli corti e spezzati in anagen distrofico caratteristicamente più sottili in vicinanza del bulbo( peli a punto esclamativo) e patognomonici per questa patologia. Ritenuta una patologia da stress ha in realtà origine molto complessa legata anche a fattori immunologici.

  • ALOPECIA CICATRIZIALE
    • Causa la formazione di aree prive di capelli e di ghiandole sebacee. Questo fenomeno è irreversibile. L’alopecia cicatriziale può essere a volte il primo sintomo di altre patologie della pelle (lupus, lichen, eccetera)

  • ANAGEN
    • è la fase di crescita attiva del capello e ha una durata variabile dai 2 ai 5 anni.

  • ANDROGENI
    • ormoni maschili deputati alla regolazione della funzione degli organi sessuali e allo sviluppo dei caratteri sessuali secondari. Vengono prodotti in parte dai testicoli, in parte dalle ghiandole surrenali.

  • ANDROGENETICO
    • regolato dagli ormoni androgeni. Può significare sia uno stimolo fisiologico ormonale sia un difetto dovuto ad un' alterata funzione degli ormoni androgeni.

  • ATROFIA
    • ridotto sviluppo e funzione di un organo

  • CALVIZIE
    • assenza più o meno completa e definitiva dei capelli.

  • CATAGEN
    • fase di transizione successiva all'anagen con durata di circa due - tre settimane.Corrisponde alla fase di involuzione del capello che precede la caduta fisiologica.

  • CHERATINA
    • proteina filamentosa prodotta dai cheratinociti è il principale costituente dello strato superficiale cutaneo(strato corneo) e costituente essenziale degli annessi cutanei: peli, capelli, unghie.

  • CLASSIFICAZIONE di Hamilton e Norwood
    • scala che descrive le fasi di progressione della caduta dei capelli nell'uomo

  • CLASSIFICAZIONE di Ludwig
    • scala che descrive le fasi di progressione della caduta dei capelli nella donna

  • DEFLUVIO
    • anormale caduta di capelli per qualità più che per quantità che porterà ad ipotrichia o calvizie

  • DERMATITE
    • si dice delle comuni malattie infiammatorie della cute e del cuoio capelluto.

  • DERMATITE SEBORROICA
    • dermatite infiammatoria del cuoio capelluto, del viso e del torace, tipicamente pruriginosa e desquamante. La dermatite seborroica del cuoio capelluto può presentarsi con 2 forme cliniche: Pitiriasi secca e pitiriasi steatoide.
      Pitiriasi secca o forfora: è caratterizzata da piccole squame biancastre. Le manifestazioni cliniche, spesso pruriginose, possono essere diffuse ad ampie aree del cuoio capelluto.
      Pitiriasi steatoide: è caratterizzata da chiazze eritematose a contorni sfumati, coperte da squame giallastre di aspetto untuoso, generalmente non sono pruriginose e si ritrovano tipicamente su cuoio capelluto e sulla cute della regione mediosternale e retroauricolare.
      La dermatite seborroica frequentemente si associa all'alopecia androgenetica determinando un'infiammazione cronica del cuoio capelluto che può contribuire all'aggravamento dell'alopecia androgenetica. Studi recenti indicano infatti che i mediatori dell'infiammazione, come ad esempio l'interleuchina 1, hanno un effetto negativo sulla crescita del follicolo ed inducono la comparsa del telogen. L'infiammazione può in questo modo accelerare il processo di miniaturizzazione e quindi aggravare la malattia. L'infiammazione può inoltre favorire la fibrosi che è talvolta osservata nei preparati istologici di alopecia androgenetica.

  • DERMATOSI
    • malattie infiammatorie croniche della cute che, nel cuoio capelluto, possono portare a perdita definitiva del capello.

  • DIIDROTESTOSTERONE
    • metabolita attivo del testosterone prodotto a livello follicolare dall'enzima 5-alfa reduttasi di tipo 2, responsabile della progressiva miniaturizzazione del capello.

  • DHT
    • abbreviazione di diidrotestosterone

  • EFFLUVIO
    • caduta quantitativamente importante ed omogenea di tutti i capelli in fase Telogen o in Anagen Distrofico con risoluzione spontanea.

  • EMBRIOLOGIA
    • scienza che studia la formazione e lo sviluppo dell'embrione e dei suoi organi. I follicoli piliferi sono già presenti alla nascita e nessun altro follicolo si svilupperà nel corso della vita.

  • FINASTERIDE
    • è un potente inibitore della 5-alfa reduttasi di tipo 2, enzima presente nel follicolo pilifero e responsabile della conversione del testosterone in diidrotestosterone.

  • FOLLICOLO PILIFERO
    • è una particolare struttura della pelle che si trova nel derma da cui ha origine appunto il pelo, ed è costituita da esso e dalle sue guaine. Nel follicolo pilifero sbocca anche il condotto escretore di una ghiandola sebacea realizzando la struttura pilo-sebacea

  • FORFORA
    • Dovuta ad un accelerato ricambio delle cellule epidermiche. E'costituita da un ammasso di cellule cornee che assumono l'aspetto di squame bianche o grigiastre distribuite su tutto il cuoio capelluto. Il prurito è scarso o assente. Clinicamente si distingue in forfora secca o semplice, nella quale il cuoio capelluto è sano,coperto da piccole squame di facile distacco, che ricoprono gli abiti,con assente o modesto prurito, e in forfora grassa o steatoide,spesso pruriginosa, nella quale le squame più grosse, untuose e giallastre, aderiscono ad un cuoio capelluto talvolta leggermente eritematoso.

  • GENETICA
    • Scienza che studia la generazione degli esseri viventi e la trasmissione dei caratteri ereditari.

  • IPOTRICHIA
    • condizione rara, congenita, in cui i capelli ed i peli sono presenti ma diradati e molto sottili. Non esiste terapia.

  • IPOTIROIDISMO
    • patologia della tiroide che può portare ad una diffusa perdita di capelli in fase telogen in quanto inibisce la divisione cellulare nell'epidermide e negli annessi cutanei (peli,capelli,unghie).

  • LOZIONE
    • soluzione liquida per uso topico , da applicare nelle zone interessate per ottenere l'assorbimento dei principi attivi.

  • MELANINA
    • pigmento responsabile del colore dei capelli e della cute.

  • MINOXIDIL
    • Farmaco antipertensivo vasodilatatore impiegato in pratica clinica dagli anni 80 per via orale,nella cura dell'ipertensione refrattaria.Tra gli efetti collaterali si notò la sua capacità di provocare irsutismo. Proprio quest’ effetto collaterale è stato sfruttato per la preparazione di lozioni utili per la terapia dell'alopecia. La sua azione si esprime sui centri germinativi non atrofici con azione stimolante. L’effetto si comincia ad evidenziare dopo almeno quattro mesi e la terapia richiede un trattamento prolungato

  • PRP (PLASMA ARRICCHITO DI PIASTRINE)
    • è una fonte di fattori di crescita che sostengono la crescita di vari tessuti.Numerosi studi hanno evidenziato che anche a livello del bulbo pilifero sono presenti cellule staminali dotate di recettori per i fattori di crescita Il Prp è un’ottima fonte di fattori di crescita, si è pensato quindi di utilizzarlo per stimolare queste staminali.
      Si ottiene concentrando le piastrine autologhe (cioè del paziente stesso) e derivando da esse i fattori di crescita piastrinici (PDGF: Platelet Derived Growth Factors)

  • PIGMENTO
    • sostanza colorante prodotta dall'organismo, che determina il colore dei capelli e della cute.

  • SEBO
    • sostanza grassa secreta dalle ghiandole sebacee ed escreta, attraverso i dotti pilosebacei, sulla pelle.

  • TELOGEN
    • corrisponde alla fase di riposo del ciclo di vita del capello. Dura circa tre mesi, e si conclude con l'inizio di una nuova fase anagen e la produzione di un nuovo capello che crescendo sospinge fuori quello vecchio ancora adeso.

  • TOPICO
    • si dice di un medicamento che agisce con applicazione diretta sulla parte interessata.

  • TRAPIANTO:
    • o, per meglio dire, autotrapianto di capelli,è l'intervento chirurgico attraverso il quale vengono trasferiti bulbi sani e vitali da una zona donatrice (solitamente la nuca) ad una zona ricevente rappresentata da zone calve o diradate.

  • TRICOGRAMMA
    • esame strumentale microscopico utilizzato per valutare il rapporto tra capelli in anagen e in telogen.

  • TRICOLOGIA
    • scienza che studia la anatomia e la fisiopatologia del capello e del pelo.

  • TRICHIATRIA
    • scienza tricologica che ha come obiettivo la cura delle malattie di pelo, cute e capello.

  • TROFISMO
    • è l'insieme delle condizioni che permettono ad una cellula o ad un tessuto di avere le condizioni nutritive ottimali per la crescita e la rigenerazione.

  • VELLO
    • per capello vello si intende un capello sottile, corto, poco pigmentato che non tende a crescere. Può essere la spia di una miniaturizzazione in corso che porterà alla perdita definitiva del capello.

  • VITAMINE
    • Le vitamine sono sostanze biologiche essenziali per la salute ed il corretto funzionamento cellulare che non vengono sintetizzate dall’organismo umano ma vanno introdotte con l'alimentazione.. Le vitamine si dividono in Vitamine liposolubili (A, D, E, K) , e Vitamine idrosolubili (C, B12, gruppo B).